Scrivere freddamente


Come ci si può regolare quando si affrontano i sentimenti?
L’ottimo Anton Cechov consiglia di farlo in un modo solo: scrivendo freddamente. Non è una clamorosa contraddizione? Si dice infatti che i sentimenti debbano essere vivi, pulsanti, capaci di trascinare il lettore nella storia, di immergervelo. Si dice, appunto.

Non lo credo.

Per prima cosa, occorrerebbe ricordare che scrivere dei sentimenti è una delle fatiche più dure che si affrontano. La soluzione adottata da molti è quella che di norma si definisce inflazione. Vale a dire: sommergo la pagina, e la storia, di parole, e raggiungo lo scopo.

Niente di più errato. Lo so bene che “funziona”: se il pubblico che si vuole raggiungere è quello che di Facebook e i suoi “mi piace”, va benissimo. Ma persino l’editore più attento alla pancia dei lettori non gradisce troppo.
E se gli obiettivi sono superiori alle pagine di Facebook è evidente che bisogna percorrere un’altra strada.

Sommergere la pagina (e il lettore) di informazioni, è il tipico modo di agire di quanti pensano che scrivere sia solo un problema di addizione. La pagina è bianca, quindi vuota, perciò devo riempirla in qualche modo. Se al contrario cerco di capire il lavoro degli autori come Cechov oppure Raymond Carver, comprendo quasi al volo che è la sottrazione il migliore alleato.
Siccome bisogna essere efficaci, questo obiettivo si raggiunge soltanto se il tema del sentimento viene affrontato con la giusta distanza.

Se un regista durante il film interviene sulla scena, e invade quindi il territorio che non gli compete, decreta il fiasco della sua opera. Accade la medesima cosa quando non si scrive freddamente. Ci si infila nella storia e si finisce con l’inquinarla.

Quello che sfugge è che uno sguardo freddo è quello che ci vuole per rendere il sentimento genuino. Si crede, ed è un errore, che un episodio strappalacrime funzioni perché… Strappa le lacrime. Quindi mettiamoci degli assistenti sociali che portano via alla madre il figlio, condiamo il tutto con pianti, urla, punti esclamativi (quelli poi, sembrano indispensabili), e avremo ottenuto un risultato ragguardevole.
No.

Un episodio strappalacrime funziona perché, prima di ogni altra cosa, è efficace. Non perché i protagonisti si agitano o si strappano i capelli. E il lettore si troverà coinvolto, si emozionerà, grazie all’efficacia delle parole usate, e a nient’altro. Non è il cosa che vince, ma il come, il modo scelto per mostrare le traversie del protagonista.

 

6 commenti

  1. Difficile trovare ‘il giusto mezzo’ tra strapparsi i capelli e la freddezza di una cronaca. Bisogna leggere (i grandi autori) e capire cosa si sta leggendo. E dopo bisogna ripulire e limare il testo (stavolta il nostro).
    E curare la punteggiatura! 😉

    "Mi piace"

    • Lo sapevo che mi criticavi la punteggiatura! 🙂
      Il giusto mezzo è una bella sfida, ma è una battaglia da combattere in solitudine. Dopo aver letto molto, anzi tantissimo…

      "Mi piace"

  2. Vero. Concordo. Scrivere freddamente significa anche, per lo scrittore, restare al di fuori della scena, scrivere senza partecipare alle emozioni. Allora la sua scrittura sarà più credibile e realistica.

    "Mi piace"

  3. … ma se le parole sono come colori, e vanno usate avendo la tecnica come pennellate sulla tela, si parte dal tumulto dell’animo, lo si riordina con la freddezza, però poi bisogna riuscire a regalare lo stesso tumulto a qualcun altro. C’è la fine di un romanzo che inevitabilmente mi commuove, e l’ho letta cento volte.

    "Mi piace"

    • Certo. Ma ti commuove perché probabilmente l’autore ha trattato la materia con freddezza. La difficoltà è nel riuscire a regalare al lettore il tumulto, e non un’emozione passeggera, che lo lasci dopo poco tempo. Deve mettere radici, lavorare dentro di lui quasi a sua insaputa.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.