La fretta (di scrivere) ammazza le idee

Marco Freccero logo

 

Ogni tanto ci sono autori che hanno un discreto oppure un ottimo consenso, ma non sono considerati interessanti da parte della critica. Qualcuno potrebbe osservare: “Ottimo!”, perché per la critica Charles Dickens era uno scrittorucolo che seguiva il pubblico, ma ben presto sarebbe stato dimenticato.

Questa incomprensione, se vogliamo definirla così, succede perché chi scrive preferisce seguire la propria visione invece di adattarsi a certe regole, o linee guida che siano.

Per esempio…

Dal locale all’universale

Esatto: Flannery O’Connor. A un editor lei scriveva:

Insomma, sono aperta alle critiche ma sono nell’ambito di quanto cerco di fare; e non c’è verso di convincermi a fare diversamente.

Ho già scritto qualcosa a proposito, in un post del 2012 che si intitolava “Idee chiare e pedalare”. Tuttavia mi pare che in questa frase della scrittrice statunitense, ci fosse la chiara intenzione di scrivere non quello che il mercato (qualunque cosa sia), richiedeva.

Né di seguire i consigli di un editor affermato che “sa quel che dice”.

A ben vedere, un autore dovrebbe avere (almeno lui), delle idee capaci di entrare in rotta di collisione con quanto la critica ufficiale richiede, o che vorrebbe che si scrivesse.

Non è obbligatorio, si capisce.

Perché succede questo? Che cosa induce una persona che scrive a prendere una direzione, e quella e sola precisa direzione? Mica facile rispondere.

Certo: la personalità di chi scrive. E un sacco di altri elementi. E poi? E poi un radicamento fortissimo col territorio in cui si vive. Ma nello stesso tempo anche la capacità di superarlo, di renderlo perfetto palcoscenico di drammi, storie insomma, universali.

Se ambiento una storia a Londra o San Pietroburgo, è facile essere universali (non è vero: anzi). Se invece vivo nelle isole Far Oer la faccenda si complica: ma solo se sono un mediocre scrittore.

Ignazio Silone non faceva che scrivere di cafoni e Abruzzo. Eppure parlava al mondo intero, e Albert Camus, Heinrich Boll e Thomas Mann lo ammiravano.

Ma attenzione.

Quello che c’è sotto 

Non c’è niente di folcloristico nel “locale”. Se osserviamo (meglio: se leggiamo) con la dovuta attenzione le storie di Flannery O’Connor, siamo calati in una realtà perfetta, costruita a regola d’arte. È tutto vero, reale. Accade in quel momento. Non è importante che piaccia o meno: è reale. La scrittrice si guardava attorno, osservava (quindi: faceva la cernita), e poi scriveva.

Ma scrivere non è solo pestare le dita su una tastiera. È riflessione, discernimento, capire cosa c’è dietro quello che succede.

E quello che c’è dietro…

Non avere fretta

Quello che c’è dietro è roba per pochi. Sì, a questo punto entra in scena LUI. Vale a dire il talento.

In fondo possiamo dire che il talento è qualcosa che spinge la persona a guardare un po’ oltre le apparenze. Per vedere che cosa si muove nelle profondità. E pensarci su, meglio: rifletterci.

Ecco perché certi romanzi pretendono tempo per essere scritti; come per “Delitto e Castigo”. Se non ricordo male, Dostoevskij ci impiegò 3 anni. E scrivendo questo mi torna in mente un sacco di titoli che su Amazon vanno per la maggiore: come scrivere un best-seller in un mese. O in 3 settimane. O un libro in una settimana.

Certo che è possibile. Credo che lo sia eccome. Ma non c’è nulla da fare: alcune opere pretendono tempo. Non possono essere liquidate in poche settimane.
Lo so bene: la scrittura è quel settore dove affermi una cosa, e dopo circa quindici minuti arriva la smentita. Quindi sono certo che qualcuno ha scritto un romanzo in un mese. Dostoevskij per esempio, scrisse in un mese “Il giocatore”, ma aveva con sé una dattilografa (che poi sarebbe diventata sua moglie). Ed è un ottimo testo, ma vuoi mettere con “I demoni”?.

Però ribadisco la mia idea. Se hai fretta, e tutto sembra spingerti ad averla, rischi di bruciare le tue idee migliori. Frena e rilassati e ricorda sempre che là fuori, nessuno ha bisogno delle tue storie. O delle mie.

La domanda delle 100 pistole

Ma davvero riusciresti a scrivere un romanzo in un mese?


Iscriviti alla mia Newsletter: è gratis.

16 thoughts on “La fretta (di scrivere) ammazza le idee

  1. Per carità! Tra focalizzare l’idea e la storia, superare vincoli di Autostima, poca fiducia e stesura, controstesura, revisione, trovare un editore, il primo romanzo ha visto la luce dopo 6 anni. C’è da dire che purtroppo la scrittura non è la mia priorità ma il lavoro, che mi occupa spazi che travalicano le ore canoniche. Ma al di là dell’esperienza personale, penso che chi propone certi manuali sa che sta solo cercando di vendere facendo leva sul narcisismo che è il vero nemico del buon scrivere..

    Mi piace

  2. Scrivere un romanzo in un mese? Credo di sì. Ma dovrei fare solo quello, scrivere dalla mattina alla sera. Senza problemi di lavoro, rate del mutuo, bollette da pagare, fare la spesa, la lavatrice, lo stiraggio, le pulizie, le riunioni condominiali, il pieno all’auto, le visite mediche, i parenti, ecc. ecc.
    Fosse un mese in un paesino sperduto della Scozia ci riuscirei.
    Oh, se qualcuno mi paga un mese in Scozia possiamo anche scommettere eh?! 😛

    Mi piace

  3. Come ogni persona è un mondo a sé, così lo è ogni scrittore: c’è Donna Tartt che ci offre un capolavoro ogni dieci anni circa, e c’era Balzac che, incalzato dai debiti, sfornava un best-seller in tempi record 😀

    Mi piace

  4. Macché, proprio non fa per me scrivere in fretta, un mese non mi basta neanche per mettere a fuoco la trama. E sono più che d’accordo che scrivere richiede tempo, riflessione. Però in verità mi piacerebbe accelerare un pochino…

    Mi piace

  5. In un mese impossibile! Forse un racconto, ma breve. Un lavoro fatto bene richiede tempo e riflessione. La fretta non va bene in molti campi, ancor più nella scrittura.

    Mi piace

  6. Sono d’accordo con te, in particolare sul concetto finale. Nessuno ha ancora rinunciato a mangiare, respirare e proliferare in attesa delle nostre storie; se ci facciamo venire la fregola di “arrivare” ci freghiamo con le nostre mani… arrivare dove, poi? Non è una domanda così banale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.