Video: Babylon A.D. – Fantascienza, giallo, thriller


Buona visione!

 

 

In un futuro molto prossimo che in realtà è già iniziato, probabilmente, avremo un appuntamento molto importante con una mutazione che cambierà per sempre il corso dell’umanità. Questo, più o meno, il succo del libro di cui parlerò oggi.

Il romanzo si intitola “Babylon A.D.”, lo scrittore è il francese Maurice G. Dantec e l’editore è Hobby & Work. La traduzione invece è a cura di Luigi Bernardi. In Italia è stato pubblicato nel 2008. Esatto: si tratta di un libro uscito da 10 anni, che in Italia non ha avuto molto successo. Come sai, io vado spesso a caccia di libri che non hanno avuto molto riscontro.

In Francia invece il successo fu tale che ne fu tratto un film per la regia di Mathieu Kassovitz (regista di film come “L’odio” e “I fiumi di porpora”), e con Gerard Depardieu e Vin Diesel. Sì, il protagonista di “Fast & Furious”. In Italia, nonostante il fiasco della pellicola, ri-tradussero il titolo: Da Babylon Babies a Babylon A.D.

Di che parla.

Scritto nel 1999, è ambientato nel 2013, in un mondo stremato dai conflitti. La Cina è piombata nella guerra civile e le mafie russe, cinesi e chi più ne ha più ne metta, si spartiscono traffici di tutti i tipi. In questo panorama emerge un mercenario della guerra nella ex Yugoslavia, Toorop. Costui era il protagonista del primo romanzo di Dantec, “La sirena rossa”. E anche l’amico Ari, presente in quel primo romanzo, fa capolino pure qui: solo che è morto.

Altro personaggio che era presente nel secondo romanzo di Dantec dal titolo “Le radici del male”: lo scienziato Darquandier.

Toorop viene incaricato di una missione all’apparenza semplice: deve scortare della merce sino in Canada, con altri 2 mercenari, un uomo e una donna. Lì riceverà le istruzioni su come completare la consegna. La missione è affidata a lui da esponenti di spicco della mafia russa con mani in pasta in tutti i campi più redditizi, che stanno cercando di diversificare le loro entrate. Infatti armi, droghe, droghe sintetiche non bastano più. Occorre sempre esplorare nuovi ambiti per fare i soldi velocemente.

Toorop accetta.

Ah, la merce è provvista di 2 braccia, 2 gambe e una testa. Si tratta di una giovane donna affetta da schizofrenia. Ma ben presto Toorop, e il suo intermediario, capiscono che quella donna trasporta qualcosa: o qualcuno?

Forse virus letali di nuova generazione?

Oppure animali mutanti messi a punto in segreti laboratori lontani dai regolamenti inutilmente severi dell’Onu?

O forse Marie Zorn, la giovane donna, trasporta dei feti umani di nuova generazione, una generazione che mandarà in pensione l’Homo sapiens che sarà sostituito dall’Homo Neuromatrix. Un nuovo essere che userà il corpo solo come ambiente ideale per consentire alle intelligenze artificiali di impiantarsi ed evolvere verso un superiore livello di intelligenza. E parlare, forse, a tu per tu con Dio.

È un libro davvero impegnativo. Sono 500 pagine di caratteri abbastanza piccoli, altrimenti saremmo oltre le 800. Si tratta del classico romanzo mondo, dove ci sono armate che si affrontano sui corsi d’acqua cinesi, sette che organizzano nuovi culti, scontri tra bande di motociclisti, anaconde clonate, macchine che non si distinguono dagli esseri umani, angeli, riflessioni sulla scizofrenia vista non come patologia ma come indispensabile via da percorrere per giungere a un sapere superiore, sciamanesimo, cambiamenti climatici, e molto altro ancora.

Dantec tenta con successo (ma secondo me a volte è davvero prolisso), di riflettere su che cosa è l’essere umano e che cosa lo rende così peculiare. E lo fa puntando la sua attenzione sulle ricerche genetiche, sulla clonazione, sulle intelligenze artificiali e la naturale convergenza tra carne, e macchine. E l’inevitabile trasformazione dell’uomo e della donna che comporterà questa “fusione”.

Già adesso e da qualche anno, si parla di clonazione di esseri umani, di manipolazioni genetiche non solo per eliminare certe malattie; ma per produrre esseri umani in serie per soddisfare le esigenze di chi… avrà i soldi. Per Dantec è il post-umano, e la scienza onnipotente che sferreranno l’attacco forse mortale all’umanità.

Perché quando si parla di intelligenza artificiale, per esempio, non si parla di una intelligenza come la nostra. Ma di mettere a punto un’intelligenza superiore alla nostra. Questo è l’obiettivo che tanti centri di ricerca hanno, ma non lo dicono.
E siccome leggi e regolamenti non fermeranno queste ricerche: il futuro che Dantec prevede forse già in parte è realtà.

Alla prossima e: Non per la gloria, ma per il pane!


Scopri gli altri miei video su YouTube: clicca qui (e iscriviti gratis).

9 pensieri su “Video: Babylon A.D. – Fantascienza, giallo, thriller

  1. Chissà, forse noi stessi siamo il frutto di una clonazione…forse noi no, però intorno a noi è possibile. Mentre leggevo il tuo post mi è venuto in mente il film The island, un gran bel film in cui si scopre che vengono creati dei cloni per poter essere utilizzati come ricambi di organi di esseri umani ricchi e privilegiati…
    In effetti il futuro catastrofico di cui si racconta in alcuni libri o film mi sembra che sia già qui: alcuni (pochi) detengono il potere e si godono la vita; altri (tanti) sgobbano e vivono di stenti o con grandi sacrifici, fra un po’ ci cloneranno pure per usarci come ricambi.

    Piace a 2 people

  2. Non mi ricordo di questo film, e la locandina mi fa confondere con Riddick, un film sempre di Vin Diesel ma molto più fantascienza. E come Giulia anch’io ho subito pensato al tema di The Island: una comunità di umani racchiusi dentro una grande torre nel deserto, a cui raccontano che nella terra c’è stata una contaminazione e loro sono sopravvissuti in un ambiente ostile. Che solo comportandosi bene potranno avere la fortuna di essere estratti dalla lotteria che regala un viaggio nell’Isola, l’unico ambiente naturale rimasto. In realtà [SPOILER ALERT] sono tutti cloni e i vincitori raggiungono la sala operatoria perché il loro proprietario ha necessità di un ricambio.
    Però c’è anche Matrix, quando il mondo diventa già dominato dalle macchine e gli esseri umani sono la loro stessa fonte di energia. Più che attacco mortale all’umanità, sarà una nuova schiavitù.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.