Gran Finale! The Legacy Tour chiude a Biella!


the_legacy_tour_una_trilogia_da_ricordare

 

 

di Marco Freccero. Pubblicato il 27 maggio 2019.

 

 

 

 

Tutte le cose belle finiscono. Infatti questa è l’ultima tappa de “The Legacy Tour”, il primo tour immobile nella storia dell’umanità.

Grazie al carburante offerto dai lettori (ma un carburante assolutamente “verde”: quello delle impressioni che in ciascuno di essi ha generato la mia “Trilogia delle Erbacce”), abbiamo viaggiato per la penisola. Siamo stati a Roma, a Padova, a Napoli; a Bologna e a Castenaso (sempre in provincia di Bologna); in Friuli Venezia Giulia, e in provincia di Imperia.

Ma adesso cala il sipario su “The Legacy Tour”. E nel ringraziare quanti hanno partecipato a questo incredibile tour, non rimane che svelare l’ultima tappa. Stavolta, per l’ultima volta, senza usare treno, aereo o automobile ci spostiamo a…

Biella!
Qui abita infatti la scrittrice Silvia Algerino che gestisce ovviamente un blog.
Sì, sono un poco in difficoltà, lo confesso. Non sono mai stato in quel di Biella, ed è un guaio bello grosso.
Di Biella ricordo solo il mobilificio Aiazzone. Non conosco altro di questa città purtroppo, ma spero che Silvia non se la prenda troppo.

Come hai scoperto la Trilogia delle Erbacce?

Ti ho conosciuto attraverso il suo blog, quindi – vista la stima che nutro per te – è stato automatico acquistare i tuoi libri e leggerli. Con molto piacere, per altro. 

  1. C’è un racconto che ti ha colpito con particolare forza?

I tuoi racconti hanno tutti una certa forza. Vuoi per i temi scelti, vuoi per la sincerità (che a volte sconfina nella crudezza) con cui scrivi. Se devo dire qual è il primo che mi viene in mente, quindi quello che probabilmente mi ha più colpita, penso a Intelligenza. Mi pare che sia il primo della raccolta La follia del mondo. A mio giudizio la sua forza consiste nel come vengono trattati temi difficili, quali l’ingiustizia, la disperazione, la solitudine. Ma questo racconto in particolare contiene una storia di grande dignità, quasi commovente. Una specie di pugno in faccia, ecco. 

  1. Secondo te, cos’hanno di particolare i miei racconti?

I tuoi racconti – lo so quanto sembrerà strano che io lo dica – hanno leggerezza. La vera leggerezza, per me, non è occuparsi di cose frivole o di poco conto. Al contrario, è poter pensare agli antieroi senza giudizi e alle brutture della vita senza aggiungere peso al peso che hanno già di per sé. Si può essere gli ultimi e conservare la dignità. Questo è il messaggio più profondo che mi hanno trasmesso i tuoi racconti, e ti ringrazio per questo. 

17 pensieri su “Gran Finale! The Legacy Tour chiude a Biella!

  1. Applauso, sia per l’ennesima tappa, sia per il Legacy tour in sé. L’hai ideato per tempo, hai raccolto le adesioni con il dovuto anticipo, l’hai condotto ottimamente ad ogni tappa, senza improvvisare e senza perdere un colpo. Tu dirai “E che ci vuole?” Beh, è facile annunciare un recensioni tour, un blog tour, un contest o qualsiasi altra iniziativa e partire senza la minima cognizione di come realizzarla. L’ho visto e gli effetti poi sono disastrosi. Si perde in credibilità. Purtroppo però pochi scrittori capiscono l’importanza della pianificazione.
    Ergo, complimenti a te.
    PS. Ma c’è ancora il mobilificio Aiazzone? Me le ricordo anch’io le pubblicità in tv! 😀

    Piace a 1 persona

  2. Che dire? Grande emozione fare parte del finale col botto.
    Grazie, Marco, per avermi ospitata e complimenti per questo tour originale e ben studiato che ci è davvero piaciuto. Ora aspettiamo solo il romanzo. 😉

    Piace a 1 persona

  3. Questo viaggio è stato molto piacevole e istruttivo, Marco è stato molto bravo, l’ha organizzato molto bene, inoltre è stato bello scoprire le opinioni sui suoi racconti, avendoli letti tutti mi piace sentire cosa ne pensano gli altri lettori. Mi sono trovata in sintonia con tutti.
    Non sapevo che Giorgio Aiazzone fosse morto in un incidente aereo…

    Mi piace

      • Sì, esatto. Precipitò con un piccolo bimotore nella Lomellina, mi pare.
        Sembra che decise di decollare comunque anche se le condizioni meteo lo sconsigliavano e con lui morirono un’amica e il pilota. Era senza dubbio un personaggio particolare, qualcuno direbbe genio e sregolatezza.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.