Informazioni su Marco Freccero

Raccontastorie

L’arco di trasformazione del personaggio

promo la follia del mondo

 

Esiste una bibliografia piuttosto ricca che parla di un argomento quale “l’arco di trasformazione del personaggio”. Esiste anche un libro con un titolo del genere, che io però non ho mai letto né acquistato. In pratica…

In pratica il personaggio (il protagonista) del romanzo, lungo l’arco della storia, si trasforma. Cambia. Muta. Per questo si scrive il romanzo. Succede qualcosa e questo qualcosa ha delle ripercussioni sul protagonista.
O no?

Continua a leggere

Guida: come creare ebook con Pages

Se hai un Mac conosci (probabilmente) Pages. È il programma di videoscrittura per i sistemi Apple (ma anche iOS). Questa applicazione permette di creare dei file epub per i tuoi ebook con pochi clic. Questo permette di caricarli sulle piattaforme digitali che supportano il formato epub. 

Con questa app ho realizzato la Trilogia delle Erbacce; il romanzo a 4 mani “L’ultimo giro di valzer“; ma un po’ tutta la mia produzione da autore indipendente ha fatto ricorso a Pages.

Come si crea un epub su Mac? Adesso lo andremo a vedere.

Continua a leggere

Video – Candele gialle per Parigi di Bruce Marshall

 

candele gialle per parigi

 

“Candele gialle per Parigi” è il titolo di un romanzo dello scrittore scozzese Bruce Marshall. È stato pubblicato nel 1996 da Jaca Book e la traduzione è di Margherita Santi Farina.

Un tempo piuttosto celebre (da un paio di suoi romanzi sono stati ricavati dei film), Bruce Marshall è di fatto caduto nel dimenticatoio. Prima di scendere nei particolari: è un buon romanzo, però non si tratta di un capolavoro assoluto.

Tra “Fontamara” di Ignazio Silone e questo: vince “Fontamara” “Cent’anni di solitudine” di Garcia Marquez e questo: vince Garcia Marquez. Io però vorrei essere in grado di scrivere un romanzo del genere.

La storia è ambientata a Parigi, tra il 1934 e il 1940. Sono anni tumultuosi per quel Paese, uscito sì vincitore dalla Prima Guerra Mondiale, ma con problemi che non sa risolvere. Il protagonista è un piccolo contabile con moglie (malata), e figlia, che deve aiutare i suoi capi a evadere le tasse, a spostare i soldi in Svizzera perché la situazione economica è seria e quella politica non è da meno.
Intanto in Germania Hitler si prepara…

Tutto è visto dalla prospettiva di un contabile che “vorrebbe”; ma non può. Vorrebbe dire quella cosa al suo capo; ma non può.
Vorrebbe essere più buono; ma non può.
Vorrebbe dire ai suoi amici del bar quello che davvero pensa; ma (tanto per cambiare), non può.
Attorno a lui, altri che vogliono, ma soprattutto persone che agiscono. Fanno e disfano, mentre quelli che vorrebbero si limitano ad assistere e ad assentire.

Fino a quando non arriva la guerra. Parigi è evacuata. La linea Maginot che avrebbe permesso ai francesi di “dormire tra due guanciali” non ferma l’invasione. Si fugge. Il Paese precipita nel caos. Petain, considerato da un po’ tutti un galantuomo che non era immischiato negli affari degli altri politici intrallazzatori, firma l’armistizio con le truppe naziste. È la fine (il romanzo si ferma al 1940: ci saranno ancora 5 anni di guerra).

Questo romanzo illustra la condotta dei diversi personaggi, che di fatto non muta nemmeno quando arriva la fuga dalla grande città. Soprattutto il protagonista, il piccolo contabile, pare come un fuscello in balia degli eventi. Dopo la morte della moglie, la figlia infine cresce, si sposa, sta per partorire quando si deve abbandonare Parigi e riparare in provincia. Ma lo Stato è saltato, nessuno sa più bene che cosa fare: lui deve rientrare in città perché il suo ruolo nell’azienda (coinvolta nella produzione di armi), è cruciale. Rientra a Parigi per sentire che i tipi come lui devono abbandonare in tutta fretta la città.

Ma che cosa rende Bigou (il protagonista), interessante?

Magari combina qualcosa di eroico? Nulla del genere. Il cuore di questa storia, probabilmente, è che le persone, tutte, trascinate volenti o nolenti nel conflitto, restano uguali a se stesse. Solo quando nel granaio la figlia partorisce, per qualche istante c’è una serenità tra le persone coinvolte, e tutte ormai decise a salvare la propria pelle, che è come un bicchiere di tè caldo in una fredda giornata invernale.

Bruce Marshall non intendeva affatto pontificare sulla bellezza della guerra. Semmai voleva constatare come tutte le difficoltà, e la più spaventosa tra di esse è di sicuro la guerra, mettessero in luce quello che per le persone conta davvero. Ma la rivelazione, se così possiamo definirla, non è straordinaria. Non siamo alle prese con un miracolo, una riscossa, o chissà cos’altro.
Quando tutto crolla, anche i frammenti di umanità, di bontà, che si trovano all’improvviso, in maniera inaspettata, sono essenziali. Questo romanzo, un po’ come Diogene, li recupera e li indica. In maniera sommessa, tranquilla.

Alla prossima e: Non per la gloria, ma per il pane!

 

Intervista alla scrittrice Grazia Gironella

 

home page sito scriverevivere

 

Oggi ecco una mia intervista alla scrittrice Grazia Gironella. Sì, ricomincia il ciclo di interviste ad autrici e autori che conosco (non personalmente), e dei quali desidero approfondire meglio il loro modo di affrontare la scrittura.

Buona lettura.

Continua a leggere

A che serve leggere Dostoevskij (se sei un autore indipendente)

 

 

A chi serve leggere il libro: “Lettere sulla creatività” di Fedor Dostoevskij?
A un sacco di persone. Leggi il resto e lo scoprirai…

Continua a leggere

Video – Betsabea di Torgny Lindgren

“Betsabea” è il titolo di un romanzo di uno scrittore svedese: Torgny Lindgren. Non è recentissimo. Come dici? Non lo conosci? Che peccato! Ma io ho la soluzione.

Dai un’occhiata al video.

Continua a leggere