Informazioni su Marco Freccero

Raccontastorie

Autopubblicazione: sicuro che “Tanto non costa niente”?

l'evoluzione di un personaggio

 

di Marco Freccero. Pubblicato su YouTube il 19 settembre 2019. Ripubblicato su questo blog nel medesimo giorno.

 

Oggi si parla un po’ di autopubblicazione.
Buona visione.

Iscriviti al mio canale YouTube.

Continua a leggere

Dittatura e scrittura: l’esempio di Werner Bergengruen

 

 

di Marco Freccero. Pubblicato il 16 settembre 2019.

 

 

 

Forse un articolo di questo genere non lo avrei dovuto scrivere. Per quale motivo? 

Perché dello scrittore tedesco Werner Bergengruen conosco davvero poco. Ho letto due suoi libri (“Il grande tiranno” e “La morte a Reval”), che sono pure piuttosto vecchiotti. Si tratta infatti di opere che sono state pubblicate

nel nostro Paese negli anni Ottanta del secolo scorso. Da allora almeno in Italia è stato dimenticato.

Continua a leggere

La pedina sulla scacchiera – Irène Némirovsky la prodigiosa! (Video)

Un altro romanzo di una fuoriclasse della letteratura francese: il suo nome?
C’è bisogno che dica il suo nome?
Irène Némirovsky, ovviamente!

Perché non ti iscrivi al mio canale YuoTube? È gratis!

Continua a leggere

Il ritorno del #progettoIOTA

 

di Marco Freccero. Pubblicato il 9 settembre 2019.

 

 

Sì, sì, confermo. Dopo tanto tempo, dopo averlo dato per morto e sepolto, esso è di nuovo tra noi. 

Il #progettoIOTA è tornato in pista alla grande. Anzi, posso anche anticipare qualcosina. 

Quindi se sei interessato, continua a leggere questo articolo.

Continua a leggere

Danubio rosso – Un altro romanzo dimenticato!

 

 

 

di Marco Freccero. Pubblicato su YouTube il 5 settembre, ripubblicato su questo blog il medesimo giorno.

 

Un altro romanzo dimenticato dello scrittore scozzese (anch’egli dimenticato) Bruce Marshall.

Buona visione e buona lettura.

Iscriviti al mio canale YouTube!

Continua a leggere

La vera libertà di un autore indipendente

di Marco Freccero. Pubblicato il 2 settembre 2019.

I più “vecchi” lettori di questo blog sanno che uno dei miei motti più celebri è sempre stato:

“Prima la storia, poi il lettore”

Non solo.

Un altro poderoso caposaldo della mia raffinatissima strategia di marketing (?), quella che mi ha permesso di raggiungere risultati inauditi (??) è quello che dice:

“Il lettore non sa quello che vuole: glielo devo dire io”

Stai tranquillo, o lettore di questo blog: non intendo ripudiare queste mie direttive.

Dopo anni di articoli; dopo ben nove libri autopubblicati (dieci, se contiamo anche quello pubblicato con la casa editrice 40K), posso affermare con un certo orgoglio che non solo la penso così. 

Ma continuo ad agire in questo modo.

Continua a leggere